Le madri surrogate dell’Ucraina affrontano la crisi legata al coronavirus

Feskov Human Reproductive Group esamina come sta andando l’industria, che dipende in gran parte dai movimenti internazionali, e come le madri surrogate stanno affrontando la crisi.

Pandemia di coronavirus – problemi per futuri genitori e madri surrogate

Come è noto, l’Ucraina ha imposto una quarantena il 12 marzo 2020 e ha emesso un divieto per i cittadini stranieri di visitare il paese fino al 22 giugno. Il 30 aprile, è emerso che 46 bambini nati da madri surrogate erano in un hotel di Kiev. Poiché i loro genitori stranieri non potevano venire a prenderli.

Nel frattempo, l’Ucraina è uno dei pochi paesi in cui la maternità surrogata è legalmente consentita e regolamentata.

I difensori dei diritti umani Lyudmyla Denisova e Mykola Kuleba hanno specificato: che la maternità surrogata dovrebbe essere sanzionata solo per i cittadini del paese. Hanno paragonato il servizio di tipo commerciale alla schiavitù, poiché implica lo sfruttamento delle madri surrogate ucraine. L’hanno anche equiparato al traffico di bambini. Tuttavia, subito dopo la visita di Denisova all’hotel dove si trovavano i bambini, il funzionario ha aiutato i genitori a risolvere la questione. E all’inizio di giugno 2020, 79 genitori stranieri sono arrivati nel paese per prendere i loro figli nonostante le restrizioni da coronavirus. Questo è un caso che si è concluso in modo sicuro. Ma che dire degli altri?

La maternità surrogata consiste nel creare un embrione dal materiale genetico dei genitori o di un donatore, impiantarlo nell’utero di una madre surrogata che porta il feto a termine e da alla luce un bambino. In Ucraina, i futuri genitori pagano in media, a seconda della clinica, dell’agenzia e di altri fattori, da 34.000 a 50.000 dollari per la procedura di maternità surrogata (se necessario, con  donazione di ovuli). Inoltre, le madri surrogate vengono pagate 300-400 dollari al mese per alloggio, cibo, vestiti e altre spese necessarie. E dopo il parto, ricevono una somma forfettaria di 15.000 dollari di risarcimento. Le madri surrogate firmano un contratto con una clinica riproduttiva o un’agenzia, così come con i futuri genitori.

La maggior parte delle madri surrogate ucraine sono sposate o donne single con figli. Per loro, è un lavoro ben pagato e pochi, se non nessuno, si limitano a un solo contratto.

Durante le restrizioni della quarantena, non solo i futuri genitori  hanno incontrato difficoltà, a causa della loro impossibilità di prendere in braccio i loro bambini, ma anche le madri:

  • Devono occuparsi da soli dei figli dei clienti genitori, il che è un’esperienza molto faticosa dal punto di vista emotivo;
  • Le agenzie non sempre assumono tate;
  • Anche se i genitori pagano i costi aggiuntivi dopo il parto, agenzie o cliniche senza scrupoli non distribuiscono correttamente i fondi a favore delle madri;
  • Le agenzie ostacolano la comunicazione con i clienti.

Spesso, dopo il parto, fino all'arrivo dei genitori genetici, le donne devono accudire e vivere nello stesso appartamento con bambini. A volte, le agenzie assumono tate per aiutare alle madri. Oppure trasferiscono i bambini in una clinica neonatale fino all'arrivo dei genitori, dove possono rimanere senza registrazione fino a 28 giorni. Tuttavia, il fatto è che la donna che ha partorito deve rimanere con il bambino a Kiev. Dopotutto, secondo la legge, solo lei o i genitori genetici possono portare il bambino fuori dal reparto di neonatologia, dopo aver redatto il certificato di nascita ufficiale per se stessi. Pertanto, i genitori e la madre surrogata sono necessari per completare la registrazione. Che non potrà andare da nessuna parte finché i documenti non saranno redatti.

Perché sorgono le difficoltà?

La crisi del COVID-19 ha dimostrato che sebbene l’Ucraina abbia leggi che regolano la tecnologia riproduttiva, ci sono alcuni punti ciechi.

Una delle ragioni dei problemi scontrati è la mancanza di un’azione coordinata tra la medicina riproduttiva e le autorità. Oggi, ci sono circa 59 cliniche di fertilità nel paese. E nessuno di loro condivide le statistiche con lo stato. Circa 38 strutture fanno capo all’Associazione ucraina di medicina riproduttiva, che non è un ente statale, ma un’organizzazione specializzata. Non esiste nemmeno un registro nazionale dei programmi di maternità surrogata e donazione di ovuli. Perciò è impossibile conoscere il numero esatto di nascite avvenute con la partecipazione delle madri surrogate.

Inoltre, non ci sono state istruzioni da parte degli organi governativi durante la quarantena e nemmeno gli specialisti della fertilità hanno elaborato un piano d’azione comune. Ogni clinica ha affrontato il problema individualmente. Solo tre centri sanitari hanno cessato completamente l’attività. Gli altri hanno portato a termine i loro programmi esistenti e non ne hanno presi di nuovi. Altri, come il Feskov Human Reproductive Group, hanno lavorato con una certa quantità di potere. Le coppie straniere che hanno potuto venire a prendere i bambini sono spesso in debito con i contatti della clinica e la sua capacità di risolvere il problema presso le ambasciate e il Ministero degli Affari Esteri.

Anche se, come dimostra la pratica, in realtà non c’erano così tanti ostacoli all’arrivo come sembrava. I genitori venivano spesso con voli charter o arrivavano in auto attraverso le frontiere con i paesi vicini (Bielorussia) che erano aperte al trasporto privato. E le coppie israeliane hanno registrato i loro bambini all’ambasciata in un giorno e sono tornate a casa. Poiché c’erano voli settimanali per Israele nonostante la quarantena.

Anche se le cliniche FIVET hanno tutte le licenze necessarie e dichiarano chiaramente le loro responsabilità nei loro statuti, in realtà sono responsabili solo della parte medica della maternità surrogata (questo non vale per il Feskov Human Reproductive Group). E le esigenze organizzative sono coperte dalle agenzie. Che, spesso, non sono nemmeno registrati e non possono essere ritenuti responsabili.

Sono necessarie nuove regole che regolino il settore

Gli specialisti della fertilità in Ucraina si rendono conto che il campo non è strettamente regolamentato e lo stato non interferisce in esso. Da una parte, questa è una cosa positiva, poiché le cliniche hanno il diritto di prendere decisioni indipendenti per quanto riguarda gli aspetti medici, i protocolli di trattamento internazionali, ecc. D’altra parte, una regolamentazione e  controlli più severi aiuteranno ad estirpare i giocatori irresponsabili che preferiscono la qualità e la sicurezza al profitto e alla quantità. E anche per chiarire le regole del gioco.

Tuttavia, non è chiaro quale organo statale possa intervenire. Poiché, non conoscendo le specificità del settore, i funzionari possono portare a restrizioni e divieti indesiderati. Come dimostra l’incidente all’inizio della quarantena. Quali drammatiche conseguenze per il settore ucraino di madri surrogati d’oltremare la chiusura delle frontiere e le barriere al viaggio possono causare! Come si è scoperto, molti di tali problemi sono stati risolti attraverso connessioni informali. E la disorganizzazione degli operatori del settore e la loro incapacità di effettuare raccomandazioni chiare, tenendo conto degli interessi di tutte le parti, è la ragione principale della mancanza di assistenza da parte del governo.

Tuttavia, la pandemia ha spinto a ripensare alcuni aspetti. Per esempio, mentre i genitori genetici a volte non sono necessari per il concepimento della madre surrogata (trasporto di embrioni o materiale genetico), sono obbligatori per registrare il neonato. Si suggerisce che la procedura di registrazione dei documenti possa essere semplificata e che tutto possa essere fatto senza la presenza della coppia, purché abbia una procura.

Inoltre, le madri surrogate dell’Ucraina hanno cominciato a unirsi in organizzazioni. Il loro compito principale è quello di insegnare alle donne come analizzare le offerte delle agenzie e delle cliniche di maternità surrogata, come leggere attentamente i contratti che vengono firmati e come essere legalmente competenti in tale settore. Grazie alle azioni competenti di queste mamme, i mediatori senza scrupoli spariranno per la mancanza di clienti. Tuttavia, gli ucraini sono contrari a un’interferenza rigorosa negli affari delle madri surrogate. Hanno paura di essere messi sotto un divieto irragionevole o una richiesta di tasse.

Principalmente il dibattito pubblico solleva la questione del divieto di maternità surrogata per i cittadini stranieri. Così come una maggiore trasparenza, regolamentazione dei diritti e protezione di tutti i partecipanti al processo. Al Feskov Human Reproductive Group sia le mamme e i genitori che i bambini sono ben protetti. Tuttavia, c’è l’opinione che la maggiore attenzione al problema porterà all’adozione di leggi più chiare sulle tecnologie riproduttive assistite.


Tags:

maternità surrogata COVID Ucraina


Raccomandato
Popolare

Related



Tutti i tag

maternità surrogata agenzia clinica per la fertilità Ucraina legge fertilità infertilità salute di bambini donatrice di ovuli donazione di ovuli donatrice di ovociti madre surrogata nascita del bambino maternità surrogata VIP la storia della maternità surrogata Biotex Biotexcom falsa maternità surrogata truffa di maternità surrogata Italia prezzo di maternità surrogata Stati Uniti Europa servizi di maternità surrogata medico specialist in medicina della riproduzione HIV FIVET AIUTO Russia bambino in buona salute donatori ucraini fecondazione in vitro notizia uomo single DGP diagnosi di infertilità Repubblica Ceca Georgia costo di maternità surrogata celebrità gemelli contraccezione evento congelazione sociale Regno Unito maternità surrogata privata Israele Berlino Kinderwunsch Tage Francia conferenza Parigi Canada costo del la donatrice di ovuli Australia COVID Belgio Olanda Portogallo Austria Grecia Spagna Irlanda Germania Finlandia Norvegia Scozia Gran Bretagna rappresentanza Londra Bruxelles trasferimento mitocondriale maternità surrogata per le persone single garanzia FIVET sesso del bambino donazione di sperma adozione di embrioni incontro surrogato servizi riproduttivi congelamento degli ovuli IUI assicurazione atto di nascita Fertility Show a sindrome dell'ovaio policistico Lupus trasferimento degli embrioni sulla fibrosi ICSI PICSI IMSI Guerra criobanca

Raccomandato:
Contattaci
Contattaci
subscribe to our newsletter
Contatteremo